facebook
Il miglior software di gestione turni non esiste. Scopri perché
miglior-software-gestione-turni

Il miglior software di gestione turni non esiste. Il perché è semplice: la scelta dipende dalle esigenze. Scopri il software che fa per te in questo articolo 

Il miglior software di gestione turni?

Spiacenti, non esiste.

Questo perché la scelta del software di gestione turni più adatto va fatta tenendo conto di una serie di variabili, tra cui le principali sono: 

  • esigenze dell’azienda
  • dimensioni aziendali e numero di dipendenti
  • settore di riferimento in cui l’azienda opera

Fare una classifica dei migliori software di gestione turni è sicuramente possibile, ma eleggere il migliore in assoluto sarebbe controproducente, perché non esiste un software che sia migliore in assoluto per tutte le esigenze.

Meglio parlare di software più adatto alle proprie esigenze: il primo modo per riuscirci è fare una valutazione costi-benefici. Ma non solo. 

In questo articolo ti forniremo gli strumenti che ti permetteranno di valutare autonomamente qual è il tipo di software per la gestione turni che si adatta maggiormente alle tue esigenze, in modo che tu possa fare la scelta più giusta per te e per la tua azienda.

Continua a leggere!

Tipologie di strumenti per la pianificazione dei turni

Prima di addentrarci in un vero e proprio confronto facciamo una breve panoramica delle tipologie di strumenti a cui il reparto HR (o chiunque si occupi della turnazione) può affidarsi per pianificare i turni di lavoro in un’azienda. 

1. Excel per il calendario turni di lavoro

Excel non è propriamente un software, si tratta piuttosto di un programma di calcolo che si presta anche all’organizzazione di un semplice calendario turni di lavoro, benché chiaramente non sia stato concepito a questo scopo e questa non sia la sua funzione principale.

2. Software di gestione turni Open Source

I software open source sono un buon punto di partenza per chi ha deciso di affidarsi a uno strumento più performante ma non è ancora pronto a sostenere l’acquisto di un software professionale. Generalmente i software open source per la gestione dei turni sono gratuiti; se si desidera fare un upgrade si può può scegliere di passare a una versione a pagamento, dai costi sempre molto contenuti.

3. Software Professionale di gestione turni

È uno strumento concepito appositamente per questo scopo, per questo non può fallire. 

Ha un costo chiaramente maggiore rispetto ad un software open source, ma che viene completamente ripagato dalla capacità di un software professionale di pianificare turni anche complessi, di migliaia di unità, in pochi minuti, con un elevato grado di accuratezza e un bassissimo margine di errore.

Come scegliere il miglior software di gestione turni?

Ora che conosci le principali tecnologie per la schedulazione automatica dei turni, è arrivato il momento di metterle a confronto in maniera più diretta per capire quale effettivamente fa al caso tuo. 

Excel: vantaggi e svantaggi

I vantaggi di Excel risiedono principalmente nel fatto che si tratta di uno strumento economico, facile da reperire e semplice da usare: facendo parte della suite Office, che ha un costo annuo davvero irrisorio, Excel si trova spetto installato di default su qualunque pc, ed è uno strumento abbastanza semplice da usare perché funziona anche sui computer meno performanti e, appunto, non richiede procedure complicate di installazione. 

Per questi motivi, Excel si presta bene a essere utilizzato nelle aziende di piccole dimensioni per pianificare i turni fino a un massimo di 5-10 persone.

Lo svantaggio è che, al di sopra di queste dimensioni aziendali, utilizzare Excel diventa impossibile, a meno di non voler dedicare una risorsa full time alla pianificazione dei turni con questo strumento, ma assumendosi tutti i rischi di errore umano che ciò comporta. 

Software Open Source: vantaggi e svantaggi

Il vantaggio di un software di gestione turni open source rispetto a Excel è che, essendo stato concepito per quello scopo, offre una serie di funzionalità dedicate proprio alla pianificazione dei turni, come la possibilità di consultare report e statistiche.

Lo svantaggio è che un software di questo tipo richiede un computer e un sistema operativo performante per essere installato; inoltre le sue funzioni sono chiaramente limitate rispetto a quelle di uno strumento professionale, che gode di più ampie possibilità di personalizzazione

Si tratta, in sostanza, di un buon compromesso, una scelta intermedia da fare per esempio nel caso di una improvvisa crescita aziendale e in prospettiva di un acquisto futuro di un software dedicato.

Software Professionale: vantaggi e svantaggi

Il vantaggio di un software professionale rispetto ai software open source è chiaramente quello di avere a disposizione una serie di funzionalità aggiuntive, come gli automatismi e le funzioni altamente personalizzabili in base alle esigenze della singola azienda e del settore di riferimento. 

Lo svantaggio, a parte il costo che però non necessariamente deve essere esoso, e che questo tipo di software richiede non soltanto macchine altamente performanti per essere installato, ma anche una formazione dedicata per i responsabili HR che dovranno imparare a utilizzarlo. Un inconveniente che viene comunque azzerato dall’assistenza costante da parte di un team di professionisti.

Un software professionale è indispensabile per le aziende di medie e grandi dimensioni: molto dipende dal settore, ma in linea di massima quando l’azienda supera i 50 dipendenti la necessità di uno strumento professionale di pianificazione automatica dei turni si fa sentire.

Il miglior software di gestione turni? Conclusioni 

Ora che hai tutte le informazioni che ti servono non ti resta che scegliere il miglior software di gestione turni PER TE e la tua azienda, in base alle tue esigenze specifiche. 

Che ne pensi?

Scopri le caratteristiche di StaffRoster richiedendo la demo gratuita realizzata in base alle esigenze del tuo settore: invia la tua richiesta qui.